Altri consigli utili!

FacebookTwitterGoogle+Condividi

Consigli

Innanzitutto occorre ricordare di non sradicare le piante al momento della raccolta (salvo carote, cipolle, …), neanche quelle spontanee (tranne ovviamente quelle che si riproducono dalle proprie radici come la gramigna) ma di lasciare invece che le radici si decompongano naturalmente nel suolo è alla base dell’agricoltura sinergica. Se vengono applicate le indicazioni riportate nei capitoli precedenti.

Realizzazione di cumuli di pietre, rami e fogli e in aree riparate e poco frequentate  per fornire ambienti di rifugio e svernamento per ricci, rospi, rettili come Lucertola murai ola, Lucertola campestre, Ramarro e Biacco.

 

 

Lascia un Commento